venerdì 2 agosto 2013

Vivisezione, articolo 13 è adesso legge: Green Hill chiuso per sempre

Con l'articolo 13 della Legge di delegazione europea, approvato sabato 31 luglio in via definitiva dalla Camera, sarà chiuso per sempre l'allevamento Green Hill e "non vedremo mai più il nostro Paese complice nell'ospitare questo tipo di lager". Lo sottolinea con soddisfazione la Lav, aggiungendo che "non si tratta del futuro testo di legge (che sostituirà il Decreto legislativo 116 del 1992), né di semplici e non vincolanti pareri, di ordini del giorno o dichiarazioni a verbale senza alcun valore costrittivo, ma di principi e criteri vincolanti di una legge dello Stato per la stesura del prossimo articolato, da parte del ministero della Salute". 

Questo articolo rappresenta, infatti, "la base per una legge realmente migliorativa per i quasi 900mila animali utilizzati ogni anno in Italia e un futuro concreto per i metodi sostitutivi e la ricerca innovativa nel nostro Paese. Un punto di partenza per altri cambiamenti, una svolta e un esempio per tanti altri Paesi. L'Italia deve trovare nella ricerca innovativa ed eticamente compatibile, un motivo di eccellenza e rinascita". Perchè, come spiega ancora la Lav, "c'è ancora tanto, tantissimo, da fare e ottenere". 

Ma vediamo, in dettaglio, cosa prevede l'articolo 13 che diventa legge: orientare la ricerca all'impiego di metodi alternativi; vietare l'utilizzo di primati, cani, gatti ed esemplari di specie in via d'estinzione, a meno che non si tratti di ricerche finalizzate alla salute dell'uomo; considerare la necessità di sottoporre ad altre sperimentazioni un animale che sia già stato utilizzato in una procedura; vietare gli esperimenti e le procedure che non prevedono anestesia o analgesia. 

Stabilire che la generazione di ceppi di animali geneticamente modificati deve tener conto della valutazione del rapporto tra danno e beneficio, dell'effettiva necessità della manipolazione, del possibile impatto che potrebbe avere sul benessere degli animali; vietare l'utilizzo di animali per gli esperimenti bellici, per gli xenotrapianti e per le ricerche su sostanze d'abuso, negli ambiti sperimentali e di esercitazioni didattiche ad eccezione dell'alta formazione dei medici e dei veterinari. 

E, ancora: vietare l'allevamento nel territorio nazionale di cani, gatti e primati non umani destinati alla sperimentazione. Nel nostro Paese l'unica attività in funzione di tale genere è l'allevamento di cani beagle, Green Hill di Montichiari (Brescia), di proprietà della multinazionale Marshall. Poi, occorre definire un quadro sanzionatorio appropriato e tale da risultare effettivo, proporzionato e dissuasivo; sviluppare approcci alternativi idonei a fornire lo stesso livello o un livello superiore di informazioni rispetto a quello ottenuto nelle procedure che usano animali. 

"E' importante - precisa ancora la Lav - che con questo primo passo anche l'Italia si ponga su un piano competitivo nel settore, innalzando il livello della ricerca nazionale e creando nuove prospettive di lavoro. Nonostante il Decreto legislativo 116 del 1992 in vigore e la nuova Direttiva europea 2010/63 li impongano come prioritari rispetto al modello animale, da più di 20 anni, le statistiche continuano a mostrare come l'Italia sia saldamente ancorata alla sperimentazione pre-clinica, arrivando ad utilizzare e uccidere quasi 900mila animali all'anno". 

"Il sostegno economico al loro sviluppo - ricordano il presidente dell'associazione, Gianluca Felicetti, e Michela Kuan, responsabile nazionale settore vivisezione - che avremo voluto più forte, è qui comunque la base affinchè ci sia una concreta conversione culturale e scientifica". Per quanto riguarda la ''generazione di ceppi di animali geneticamente modificati'', si dovrà tener conto dell'effettiva necessità della manipolazione e del possibile impatto che potrebbe avere sul benessere degli animali, valutando i potenziali rischi per la salute umana e animale e per l'ambiente.

Fonte: LAV
Via: Adnkronos
Foto dal web

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...