lunedì 2 aprile 2012

Ora della Terra 2012: WWF ringrazia i partecipanti all'evento mondiale

Si è conclusa l’Ora della Terra del WWF, la "maratona" globale per il pianeta che il 31 marzo, alle 20.30 locali in tutti i fusi orari, ha coinvolto la cifra mai raggiunta di 150 Paesi e oltre 6500 città in tutto il mondo, spegnendo in un’ondata di
consapevolezza e attivazione contro i cambiamenti climatici e per un futuro sostenibile, i più bei monumenti e luoghi simbolo di tutto il pianeta, oltre a edifici pubblici, uffici, negozi e abitazioni private.

Una mobilitazione mai vista che è stata seguita in tempo reale sul web, dove per ventiquattrore sono rimbalzati i video da tutto il mondo, i tweet, i commenti e i messaggi di migliaia di comuni cittadini o personaggi famosi come Ban Ki-moon, Al Gore, Yoko Ono, l’astronauta dell’ESA Andre Kuipers che seguiva l'evento dallo spazio, e Nelson Mandela che ha twittato "Agiamo insieme per fare del nostro mondo una fonte sostenibile per il futuro dell’umanità sul pianeta".

"Quest’anno l'Ora della Terra WWF ha raggiunto una dimensione mai vista, una chiamata all’azione per il pianeta a cui hanno risposto in un’unica voce centinaia di milioni di persone in ogni continente e a tutti i livelli della società - ha detto Adriano Paolella, direttore generale del WWF Italia - Partecipando da protagonisti a questa mobilitazione planetaria, hanno dimostrato di essere pronti a dare al mondo un futuro diverso, più equo e più sostenibile, attraverso azioni concrete e nuovi modelli di vita, di sviluppo e di consumo. Un messaggio davvero importante, che ci impegneremo a rendere ancora più forte e concreto in vista del vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile di Rio+20 a giugno."

Il giro del mondo ha preso il via il 31 mattina (ora italiana) da Samoa e nel giro di ventiquattr'ore ha spento icone mondiali come la Grande Muraglia cinese, il Giardino Sacro di Lumbini in Nepal, il "Gateway of India", simbolo della città di Mumbai, il BurjKhalifa il grattacielo più alto del mondo in Dubai, la Table Mountain, la Tour Eiffel, la Porta di Brandeburgo, il Big Ben a Londra, la statua del Cristo Redentore di Rio, la CN Tower di Toronto, le Cascate del Niagara, la "Las Vegas Strip", una delle vie più famose e illuminate del mondo, e poi Times Square, l'Empire State Building, la sede delle Nazioni Unite, i siti dell’UNESCO e molti altro ancora, fino al gran finale alle isole Cook, nel piccolo atollo di Aitutaki, gravemente minacciato dal cambiamento climatico e dall’innalzamento del livello del mare, che è stato l’ultimo a spegnere le luci.

In Italia emozionante evento centrale a Roma, dove l’etoile della danza Roberto Bolle e Fulco Pratesi, presidente onorario del WWF Italia, hanno spento Castel Sant’Angelo e, sullo sfondo, la Cupola di San Pietro. Nel resto d’Italia, hanno partecipato circa 400 Comuni, che hanno spento icone come Castel Sant’Angelo, la Cupola di San Pietro e il Quirinale a Roma, il Teatro alla Scala di Milano, piazza San Marco a Venezia, l’Arena di Verona, la Torre di Pisa, il Duomo e Ponte Vecchio a Firenze dove il buio ha favorito l’osservazione delle stelle, la Mole Antonelliana di Torino, i Sassi di Matera, la Valle dei Templi di Agrigento, il Maschio Angioino a Napoli, i ponti di Calatrava a Reggio Emilia, la Villa Reale di Monza, la Basilica di San Francesco di Assisi.

Moltissime iniziative, concerti, cene a lume di candela, osservazioni delle stelle saranno organizzate dalla rete WWF nelle piazze, nelle Oasi WWF e negli agriturismi della rete Fattorie del Panda. Il WWF ringrazia tutti i protagonisti che hanno partecipato all’evento: le 400 città e cittadine e i milioni di italiani che con la loro azione e diffondendo ispirazione potranno dare al nostro Paese un futuro migliore.



Via: WWF

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...