domenica 1 gennaio 2012

Bilancio 2011 del WWF: dallo stop al nucleare ai tagli al Ministero

Si è chiuso l’anno e il WWF ha tirato le somme sul bilancio ambientale del 2011, Anno internazionale delle Foreste e l’anno in cui l’Associazione del Panda ha festeggiato i suoi primi 50 anni di azione a livello globale. Un anno ricco di successi caratterizzati da un grande coinvolgimento degli italiani, come la campagna referendaria che con il 94,08% dei voti ha ribadito il secco rifiuto dell’Italia nei confronti del nucleare; il divieto dei sacchetti di plastica anche in Italia, minacciato però, proprio a fine anno, dalla scomparsa della norma dal decreto milleproroghe; o la campagna WWF “Una nuova oasi per te” che grazie all’aiuto di migliaia di cittadini, ha messo al sicuro da ogni minaccia due preziosi boschi in Lombardia e nel Lazio. Mentre la cifra mai vista di quasi 43 mila rapaci attraversava lo Stretto di Messina durante le migrazioni di primavera e turisti, volontari ed esperti WWF monitoravano giorno e notte il numero record di nidi di tartarughe marine tra Puglia, Calabria e Sicilia.

Ma il 2011 è stato anche l’anno di Fukushima, drammatica conferma che “l’unico nucleare sicuro è quello che non c’è”, degli ennesimi disastri petroliferi, delle drammatiche alluvioni che anche in Italia hanno mietuto vittime, complici cambiamento climatico, dissesto idrogeologico e soprattutto abuso e consumo del suolo, mentre la Legge di Stabilità ha dato il colpo di grazia a un Ministero dell’Ambiente quasi “in liquidazione” che, con un bilancio ridotto a un quarto negli ultimi quattro anni (421.041.078 euro, contro 1 miliardo e 649 milioni del 2008), avrà a malapena le risorse per pagare il personale e garantire l’ordinaria amministrazione delle aree protette terrestri. 

Dall’altro lato, a 10 anni dalla Legge Obiettivo, cifre rilevantissime (367,4 miliardi di euro dagli iniziali da 125,8) vengono ancora destinate a infrastrutture talmente “strategiche” che solo l’1,1% è stato a oggi realizzato. E mentre a Durban i governi del mondo hanno raggiunto un tiepido accordo su un percorso per affrontare un clima globale che diventa rapidamente troppo caldo, in Italia mancano ancora una Strategia nazionale per ridurre le emissioni di CO2 e una Strategia Energetica per arrivare al 100% rinnovabili entro il 2050, obiettivo necessario e raggiungibile. 

“Con i drastici tagli alla tutela dell’ambiente, eventi drammatici come Fukushima e le alluvioni, e una ormai cronica assenza di strategia italiana sul fronte della decarbonizzazione e del cambiamento climatico, il bilancio ambientale 2011 per il nostro Paese è tutt’altro che positivo.” - ha dichiarato Stefano Leoni, presidente del WWF Italia. “Nel 2012 ci attendiamo dal Governo Monti che dia ascolto alla volontà espressa dagli italiani e prenda serie misure per il rilancio del Belpaese. Il WWF chiede al Governo Monti di lasciarsi alle spalle politiche sciagurate per l’ambiente per puntare su un serio percorso di sostenibilità verso il futuro, che ci trovi pronti per il vertice di Rio+20 promosso dall’ONU”, ha concluso Stefano Leoni, presidente del WWF Italia.

Via: WWF Italia

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...