giovedì 17 febbraio 2011

Agricoltura: Galan e Prestigiacomo, Sicilia orgogliosa dei suoi prodotti

''Ho firmato il millesimo prodotto Dop in Europa, il 221esimo italiano. E si tratta del Piacentino ennese, cioe' un prodotto tutto siciliano. La Sicilia deve esserne orgogliosa, e anche l'Italia, visto che un quarto dei prodotti Dop in Europa sono italiani''. Con queste parole il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Giancarlo Galan, giunto a Pachino in Sicilia, si e' rivolto agli agricoltori e ai produttori del pomodoro di Pachino Igp. ''Uno dei problemi piu' gravi che colpisce il pomodoro di Pachino - ha proseguito il Ministro - e' quello della lunghezza della filiera, una questione che penalizza i produttori che non riescono a guadagnare abbastanza rispetto a quanto spendono. Voglio difendere tutti i prodotti Igp e tipici d'Italia allo stesso modo, egualmente intendo tutelare il pomodoro di Pachino come l'asparago di Badoere. Perche' i produttori del pomodoro di Pachino sono cosi' deboli nelle trattative con i distributori, tanto da non riuscire a spuntare un prezzo piu' alto nella vendita del loro prodotto? A Pachino sono 900 i produttori, perche' solo 140 fanno parte del Consorzio Igp? Per lo Stato e' facile promuovere un prodotto tipico quando i produttori sono uniti come nel caso del Parmigiano reggiano, ma diventa piu' difficile con il pomodoro di Pachino, visto che il consorzio non rappresenta tutti coloro che lo producono''. ''Il pomodoro di Pachino - ha aggiunto il ministro - lo si puo' difendere con la legge sulle etichettature che abbiamo fatto approvare e che e' contestata dagli industriali italiani e in Europa dai Paesi che ci copiano i prodotti.'. Anche il ministro dell’Ambiente si è recata a Pachino assieme al collega Galan per l’incontro con gli imprenditori agricoli del territorio: «Qui c’è una filiera produttiva di qualità e noi non vogliamo che tanto impegno possa essere danneggiato da un'immagine distorta. Ribadiamo allo stesso tempo che siamo al fianco di quanti combattono la mafia. Quindi Pachino», ha detto Prestigiacomo, «è in prima linea nel combattere la mafia e certamente non è contigua alla produzione di questo prodotto di altissima qualità».

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...