domenica 23 gennaio 2011

Disastro ambientale a Porto Torres, dichiarato lo stato d'emergenza

Dopo il riversamento in mare l'11 gennaio scorso di 18 mila litri di olio combustibile nell'area antistante lo scalo industriale di Porto Torres la sostanza ha raggiunto anche le coste galluresi. Il Capo del Compartimento Marittimo di La Maddalena ha dichiarato lo stato di emergenza locale. Continuano le operazioni di disinquinamento a terra del prodotto inquinato spiaggiato nel tratto di costa compresa fra Monti Russo (comune di Aglientu) e Capo Testa (Santa Teresa di Gallura) mentre i mezzi navali della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di La Maddalena hanno continuato a perlustrare il mare per verificare l'eventuale presenza di altre macchie oleose. Sono intervenuti anche gli specialisti del Nucleo Subacquei della Guardia Costiera di Cagliari che hanno effettuato una immersione davanti alle spiagge dove maggiore e' la concentrazione di idrocarburi. Assieme a loro si e' immerso anche un biologo del Parco Nazionale dell'Arcipelago della Maddalena per verificare lo stato dei fondali che, al momento, non risultano inquinati. Sinora sono stati recuperati dai volontari e dalle ditte incaricate per la pulizia della costa circa sei tonnellate di materiale inquinante. Intanto e' stata consegnata in Procura a Sassari la prima relazione sugli accertamenti della Capitaneria di Porto Torres. Al momento nessuno sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati. Sull'incidente il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, riferira' mercoledi' 26 gennaio, in Commissione Ambiente della Camera.

Fonte: http://www.ansa.it/web/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...