sabato 25 dicembre 2010

Addio ai sacchetti di plastica dal primo Gennaio 2011

Il Consiglio dei Ministri ha confermato lo stop all'utilizzato dei sacchetti di plastica dal 1 gennaio 2011, senza proroghe. Lo annuncia in una nota il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo che, dopo essersi opposta all'introduzione dell'ennesima proroga,
spiega: "E' una grande innovazione, quella introdotta dal governo, che segna un passo in avanti di fondamentale importanza nella lotta all'inquinamento, rendendoci tutti più responsabili in tema di riuso e di riciclo".  Anche l’Italia si affiancherà così ad altre nazioni del mondo, abolendo questo tipo di sacchetti come richiesto anche dal direttore del Programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) nell’anno dedicato alla biodiversità. Nel frattempo quasi tutte le catene della grande distribuzione, compresi gli hard discount, hanno anticipato la legge e ben 150 Comuni hanno già vietato i vecchi sacchetti o hanno attivato iniziative di disincentivo al sacchetto di plastica a perdere. 


Per capire se un sacchetto è veramente amico dell’ambiente, l’Uni (Ente nazionale italiano di unificazione) ricorda che possiamo affidarci alla norma europea En 13432. La norma Uni En13432 permette di determinare se un materiale può essere definito «compostabile», ossia biodegradabile. In Italia, ricorda Legambiente che nei mesi scorsi ha lanciato la campagna 'Ridurre si può', mettendo in atto anche la petizione "Stop ai sacchetti di plastica", con cui richiedeva al Governo l'effettiva dismissione delle plastic bags, si consumano circa 20 miliardi di buste all'anno, un primato per cui il nostro Paese ha conquistato la maglia nera europea. Sostituendo con 10 sporte riutilizzabili i 300 sacchetti di plastica che ogni italiano consuma all'anno, risparmieremmo più di 180 mila tonnellate di petrolio e altrettante di emissioni di CO2, ma soprattutto eviteremmo di disperdere plastica indistruttibile nei campi, lungo le rive dei fiumi e nei mari.

Fonte: AP COM
Immagine: Greatergoods

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...