sabato 4 settembre 2010

Greenpeace lancia una campagna contro Facebook

Greenpeace International ha scoperto alcuni dettagli sull'energia elettrica che andrà ad alimentare i server del nuovo data center di Facebook. Il social network, infatti, aveva annunciato lo scorso febbraio la realizzazione di quello che può essere considerato come il più grande centro di raccolta dati centralizzato del mondo a Portland, in Oregon. La Pacific Power, fornitrice di energia della zona, produce elettricità utilizzando dei materiali "sproporzionatamente basati sul carbone". Nonostante l’utilizzo nel centro dati di alcuni tra i computer a basso consumo energetico del pianeta, si stima che la società potrebbe utilizzare un quantitativo di energia superiore a quella che attualmente è necessaria a soddisfare i bisogni di molti Paesi in via di sviluppo. Kumi Naidoo, Executive Director di Greenpeace ha pubblicato una lettera aperta al CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, per convincerlo ad adottare fonti di energia più pulite. Per sensibilizzare il top management del social network, poi, Greenpeace ha anche avviato una campagna sul proprio sito: in poco tempo la pagina dedicata ha raccolto l'adesione di 500mila sostenitori. La risposta di Facebook non si è fatta attendere ed è stata affidata a Barry Schnitt, responsabile delle politiche di comunicazione del social network. Schnitt ha rassicurato tutti, affermando che Facebook è ben conscia dei problemi connessi all'inquinamento e all'energia utilizzata dalla compagnia. Il manager ha anche spiegato che la società ha accuratamente pianificato la costruzione del nuovo data center per impattare il meno possibile sull'ambiente. Una pressione che il social network non può di certo ignorare, dal momento che, secondo i dati comunicati dalla stessa società, il menù energetico consumato per alimentare la grande rete di condivisione e scambio planetario fornito dalla Pacific Power è costituto per il 67% da centrali a carbone e solo per il 12% da fonti pulite.

Via: http://www.repubblica.it/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...