sabato 17 luglio 2010

Legambiente: 100.000 tonnellate di rifiuti smaltite illegalmente

''Le forze dell'ordine e la magistratura hanno sgominato ancora una volta un mega traffico di rifiuti speciali, un business da milioni di euro per un'organizzazione malavitosa ramificata in mezza Italia. Vogliamo ribadire il ruolo fondamentale delle intercettazioni per effettuare questo tipo di indagine: contro le ecomafie sono un'arma preziosissima che sarebbe criminale spuntare''. Così Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente, sull'operazione 'Ragnatela' condotta dai carabinieri del Noe di Ancona e coordinata dalla procura di Napoli, che ha sgominato un'organizzazione criminale con base nelle Marche e diramazioni in Campania, Lombardia, Puglia, Abruzzo, Lazio e Sicilia. Il presidente di Legambiente Marche, Luigino Quarchioni, sottolinea come le Marche, al centro di questa inchiesta, si stiano rivelando un importante crocevia per il traffico di rifiuti in Italia. E Legambiente ricorda i numeri dello smaltimento illegale e la rilevanza del lavoro portato avanti negli ultimi sei mesi contro il traffico di rifiuti: 17 le inchieste, 37 le ordinanze di custodia cautelare emesse, 500 le persone denunciate e 63 le aziende coinvolte. Coinvolti anche 4 Stati esteri: Bulgaria, Germania, Ungheria e Africa. Dal 2002 a oggi sono, invece, 159 le inchieste sui traffici illeciti di rifiuti, 1.035 gli arresti, 3.064 le denunce e 646 le aziende coinvolte. Nell'inchiesta, aggiunge Ciafani, ''rientrano scarti del petrolchimico di Gela, fanghi e altre sostanze tossico nocive provenienti da impianti industriali.".

Fonte: Adnkronos

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...