domenica 4 luglio 2010

Abbandono animali, al sud la maglia nera

Siamo alle grandi partenze e, secondo gli ultimi dati dell'Aidaa, gli abbandoni dei cani, nel primo semestre 2010, sono in diminuzione del 32%, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Secondo l'associazione di Lorenzo Croce, nelle regioni del Nord la percentuale tocca quasi il 55% mentre nelle regioni del centro sud la situazione è addirittura peggiorata. Nel Lazio, in Campania, in Sicilia e in Puglia si registra un incremento degli abbandoni, specialmente dei cuccioli, che si aggira attorno al 12% rispetto allo scorso anno. Sempre nelle regioni meridionali si verifica il maggior numero di avvistamenti di cani vaganti che vengono segnalati al «telefono amico» Aidaa, mentre al Nord questi sono in netta diminuzione. A fronte di questa situazione, vi sono regioni dove l'abbandono dei cani è pressoché sconosciuto, come in Valle d'Aosta, Trentino e gran parte della Lombardia. Lorenzo Croce, presidente dell'Aidaa, dichiara: «La situazione è migliorata rispetto al passato, ma meno di quanto avevamo previsto. Se al nord abbiamo una diminuzione degli abbandoni del 20-25% rispetto all´anno scorso, al centro la situazione rimane stabile, mentre al sud è davvero critica, soprattutto in Puglia, Sicilia, Lazio, Campania e Calabria. Qui gli abbandoni sono in crescita perché i canili non bastano e spesso sono dei lager. Dei 1800 canili italiani non in regola, ben 1500 sono concentrati nel Meridione».
"Io l´ho visto" è il titolo della campagna promossa dall´Aidaa contro l´abbandono dei cani. Dal 23 luglio al 30 agosto, seicento volontari saranno impegnati in tutta Italia. Quattro milioni di famiglie, stima l´Aidaa, si sposteranno durante l´estate e i cani a rischio abbandono sono 150 mila. «Il problema è che, oltre alle spiagge libere - conclude Croce - degli 8mila chilometri di costa italiana, solo 300 sono attrezzati per ospitare animali. Chiediamo quindi che ci siano più spiagge dove poter portare gli animali e sanzioni più severe per chi li abbandona».
Via: La Repubblica

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...