giovedì 3 giugno 2010

“Temporary tree”, blitz degli alberi parcheggiati

In città non c'è spazio per piantare nuovi alberi e quelli che ci sono se la passano decisamente male. Per questi motivi gli attivisti di Legambiente Lombardia hanno messo in scena un blitz di protesta per denunciare la difficile situazione in cui sono costretti a vivere molti alberi milanesi e lanciare un inedito concorso fotografico. Gli ambientalisti hanno occupato un posteggio a pagamento riservato alle automobili, ma invece di parcheggiare un veicolo hanno simbolicamente posizionato 6 alberi per i quali hanno pagato una regolare tariffa per la sosta, di 1,20 all'ora. Come luogo per l'iniziativa è stato scelto il trafficato corso Buenos Aires. “Area DeMacchinizzata”: questa la frase che compariva sullo striscione usato per spiegare che la città di Milano è soffocata da troppe auto e cemento, e per la salute di tutti, cittadini e alberi, bisogna liberare un po' di spazio dalle ingombranti macchine che dominano la città.
“Il nostro messaggio è semplice: occorre fare delle scelte – dichiara Damiano Di Simine, presidente regionale dell'associazione –. Non basta piantare nuovi alberi, bisogna anche avere cura di quelli che già ci sono”. Ma il blitz è stato anche l'occasione per lanciare una inedita campagna di Legambiente Lombardia: il concorso fotografico “Sapessi com'è strano fare l'albero a Milano”. Una competizione a premi che ha l’intento di promuovere la fotografia come mezzo espressivo per denunciare il cattivo stato di salute delle piante milanesi. Per i vincitori Legambiente ha messo in palio attrezzatura per fotografi, gentilmente offerta da Aproma. I media partner dell'iniziativa invece sono la televisione on line di Milano, C6.Tv e il giornale di Legambiente, La Nuova Ecologia. Partecipare al concorso è facile basta scattare da una a tre foto e caricarle sul sito www.legambiente.org.
Fonte: Legambiente

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...