domenica 30 maggio 2010

Chiamava il padrone, salvato un pappagallo impigliato tra cavi

Mentre volava si è impigliato tra i cavi dell'alta tensione e per richiamare l'attenzione ha iniziato a pronunciare il nome del proprietario, che poi è intervenuto con i vigili del fuoco e lo ha tratto in salvo. Protagonista della singolare vicenda è un pappagallo, di nome Enrico, che vive a Brognaturo, piccolo centro delle serre vibonesi. Enrico vive in casa di Vincenzo, la figlia del quale, ieri sera, ha portato l'animale a fare un giro per il paese. Improvvisamente il pappagallo è scappato e si è rifugiato su alcuni fili dell'alta tensione. 

Non riuscendo più a tornare a casa, l'animale ha iniziato a chiamare il proprietario pronunciando ripetutamente la parola 'Cenzo', che per il pappagallo è il modo per chiamare Vincenzo. «Quando sono arrivato - ha detto il padrone - Enrico ha continuato a chiamarmi. Sembrava un bambino che aveva rivisto il padre ed al quale chiedeva aiuto. E infatti c'era il rischio che Enrico, volando via, potesse rompersi una zampetta. Abbiamo allora chiamato i vigili del fuoco, ma questi non avevano una scala adeguata per il recupero. 

E' arrivato così il proprietario di una impresa che ha una scala con il cestello e così siamo riusciti a mettere in salvo il mio pappagallo». Nel luogo dove si è verificato l'episodio si sono radunate numerose persone di Brognaturo, che erano allarmate per la sorte del pappagallo. Successivamente sono intervenuti i vigili del fuoco che con il padrone ed il proprietario di una impresa sono riusciti a trarre in salvo l'animale. «Abbiamo avuto tanta paura per il nostro Enrico, che ora è tornato a casa ed é tranquillo», ha concluso il proprietario.

Fonte: Tgcom
Foto: Ansa

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...