martedì 1 dicembre 2009

Clima, l'India affonda il piano di Copenaghen


Roma, 1 dic. (Repubblica) - La Danimarca rilancia il patto sul clima, l'India lo affonda. A sette giorni Conferenza ONU sul clima di Copenaghen, continua l'altalena tra ottimismo e pessimismo. Nella mattinata di ieri era trapelata la bozza di accordo messa a punto dalla Danimarca:
  • emissioni serra globali dimezzate rispetto ai livelli del 1990 entro il 2050; 
  • 80% del taglio a carico dei paesi industrializzati; 
  • picco d'inquinamento entro il 2020 e poi la diminuzione in modo da evitare che l'aumento di temperatura superi i 2 gradi nell'arco del secolo, soglia oltre la quale il danno viene considerato catastrofico.
È una posizione in linea con le richieste degli scienziati che, in maniera sempre più pressante, sollecitano un rapido abbattimento delle emissioni serra. La presidenza danese inoltre aveva proposto uno stratagemma per aggirare la sfasatura temporale che rischia di far fallire il summit: gli Stati Uniti di Obama, dopo 8 anni di isolazionismo ambientale, vogliono rientrare in gioco, ma hanno bisogno di qualche mese per far passare una legge nazionale coerente con questo obiettivo. Di qui l'idea di raggiungere un'intesa che preveda tagli obbligatori per ogni paese al 2020 rendendola però legalmente vincolante solo il prossimo anno.
Una bozza che New Delhi ha fatto saltare nel giro di poche ore ponendo quattro condizioni difficilmente conciliabili con l'impostazione europea e con le richieste dei climatologi:
  1.  Nessun vincolo sulla riduzione delle emissioni serra che, a differenza di quello che avviene nei paesi tecnologicamente più avanzati, nei paesi recentemente industrializzati sono ancora legate alla crescita del Pil.
  2. Nessun controllo internazionale senza aiuti economici. 
  3. Nessuna data per il picco delle emissioni che alterano il clima. 
  4. niente barriere economiche sulle merci ad alto impatto climatico prodotte nei paesi in via di sviluppo.
Così, anche se il governo danese si è affrettato a chiarire che la bozza è solo «una tra le varie proposte che girano», il sasso lanciato ha provocato quasi una mareggiata.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...