domenica 15 novembre 2009

Apec, accordo su clima ma niente cifre sui tagli


Barack Obama ha espresso a Singapore il suo sostegno alla proposta del premier danese Lars Lokke Rasmussen per un accordo in due tempi sulla questione del clima: un'intesa politica alla conferenza di Copenaghen di dicembre, seguita da un'intesa legalmente vincolante, che però non ha prodotto obiettivi concreti per la riduzione dei gas serra.
I temi emersi nell'ambito del vertice Apec sono quelli piu' caldi che impegnano al momento la diplomazia mondiale, e in particolare i rapporti Usa-Russia, per cominciare, con la volonta' di accelerare il passo sulla riduzione degli arsenali nucleari. Usa e Russia a Singapore si mostrano concordi anche sul nodo del nucleare iraniano: il tempo dedicato al dialogo nel tentativo di risolvere la crisi ''sta per scadere''. ''Purtroppo l'Iran non e' stato in grado di accettare un approccio giudicato da ognuno creativo e costruttivo'', ha affermato Obama, mentre Medvedev, sedutogli accanto, non ha escluso che possano essere usati ''altri mezzi''.
Obama ha inoltre partecipato ad un incontro con i dieci paesi dell'Asean, le nazioni del sud-est asiatico, compresa la Birmania. E al regime militare birmano, rappresentato alla riunione di Singapore dal premier Thein Sein, il presidente americano ha rivolto la richiesta di liberazione immediata del Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...