mercoledì 1 luglio 2015

SharkLife, allarme squali nel Mediterraneo: sono a rischio estinzione

Gli squali sono imponenti predatori che abitano i nostri mari dalla notte dei tempi ma oggi più che mai non navigano in buone acque. Ogni anno nel mondo ne vengono uccisi circa 100 milioni  in una percentuale compresa tra il 6,4% e il 7,9% di squali di tutte le specie secondo uno studio della Dalhousie University in Canada. Qualunque percentuale superiore al 4,9% annui rappresenta una minaccia per la sopravvivenza a lungo termine, soprattutto per gli squali che hanno tempi di riproduzione e crescita piuttosto lunghi. In Europa il 7,5% delle specie di pesci marini europei è a rischio di estinzione come conferma il rapporto appena pubblicato dalla IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) e dalla Commissione Europea. Il dato più allarmante riguarda gli squali, razze e chimere. Il 40,4% sono ad altissimo rischio di estinzione.

domenica 31 maggio 2015

Cavagrande: otto associazioni chiedono di riaprire la riserva naturale

Le associazioni ambientaliste si riuniscono in coro per chiedere la totale riapertura e fruizione della Riserva Naturale Orientata di Cavagrande. Le associazioni - scrive Siracusa News - sono consapevoli che la situazione geomorfologica della riserva di Cavagrande è di estrema fragilità, per cui necessita di un costante impegno e attenzione non solo nella continua manutenzione ma anche nel prevenire situazioni di emergenza. "La Riserva - affermano le otto associazioni - necessita di un vero e proprio piano di gestione da parte dell’ente gestore, che comprenda anche l'aspetto progettuale. Inoltre gli incendi continuano a distruggere ampie porzioni della Riserva, compromettendone gravemente il patrimonio di biodiversità che essa custodisce e intaccando anche la base su cui poggia la ricca fauna di Cavagrande".

domenica 24 maggio 2015

Campagna Foreste del WWF, porte aperte in 80 oasi sparse in Italia

Gran finale per la Campagna Foreste del WWF che in queste settimane ha raccontato l’importanza di difendere il cuore verde del nostro pianeta, ovvero, quel patrimonio naturale da cui dipende la vita di tutti noi e il sostentamento di oltre un miliardo e mezzo di persone. Domenica 24 maggio è la volta dell’evento di chiusura: domenica 24 maggio il WWF apriranno le porte gratuitamente in 80 delle 100 oasi sparse in tutta Italia per far toccare con mano l’impegno dell’Associazione e dei tanti volontari nel difendere la biodiversità in Italia. Sono circa un centinaio le Oasi del WWF, per una superficie di circa 35.000 ettari: circa 40 Oasi tutelano aree boschive, di cui una ventina sono costituite esclusivamente da foreste. La superficie forestale tutelata dal WWF nelle Oasi è di circa 11.000 ettari. Dal 10 al 24 maggio è possibile aiutare il progetto per il “Cuore Verde dell’Africa”.

Recent Posts

Post più popolari